Qualità senza compromessi e consegne rapide in tutta Europa.



Lardo d'Arnad DOP - Levieux 100g

Salumificio Artigiano Arnad Levieux

Regular price €3,99

Tax included. Shipping calculated at checkout.

 INGREDIENTI:

Lardo suino, acqua, sale, aglio, lauro, rosmarino, salvia, erbe aromatiche, spezie.


 DESCRIZIONE:

Il lardo è venduto in pezzi, ognuno dei quali conserva su un lato la cotenna: appare di colore bianco con possibile presenza di un leggero strato di carne, mentre il cuore è normalmente rosato chiaro senza venature. Presenta un aroma ricco e gusto piacevole che riportano i profumi delle erbe usate per la salamoia.


LA STORIA:

L’esistenza del lardo in Valle d’Aosta è testimoniata per la prima volta in un manoscritto del 1570 in cui venivano descritti i refettori dei religiosi del monastero di Sant’Orso e le distribuzioni di prodotti alimentari agli indigenti. Al 1763, viene registrata la presenza, nella cucina del castello di Arnad di quattro doils di lardo già vecchi. La parola “doils” appartiene al dialetto patois e sta ad indicare dei contenitori utilizzati per far maturare e conservare il lardo. Sono costruiti con legno di castagno, a forma di parallelepipedo, con capacità che può variare dai 25 ai 50 litri. Nella storia e nel passare del tempo si ritrovano numerosi altri riferimenti documentari: intorno alla fine del XVII secolo nelle relazioni ufficiali sull’andamento dei prezzi delle derrate alimentari; nella descrizione di una taverna della città di Aosta nel cui menù era presente anche il “lard friand” che tradotto significa “lardo prelibato”. L’area di produzione è il territorio del comune di Arnad, ma i suini possono provenire da allevamenti situati oltre che in Valle d’Aosta, nel Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte. Sono accettate variazioni in più o in meno del 10% massimo e di età non inferiore ai 9 mesi con caratteristiche tipiche del “suino pesante”. Si alternano uno strato di sale e aromi e uno di lardo fino al riempimento del contenitore e la miscela di salatura è composta da cloruro di sodio cristallizzato, acqua, aglio, foglie di lauro, rosmarino, salvia con l’aggiunta di altre erbe di montagna. Successivamente i doil vengono posti in apposite celle di stagionatura, dove rimangono per un tempo minimo di tre mesi, il tempo necessario ad ottenere la certificazione DOP. Viene sovente servito come antipasto, con noci o miele, accompagnato dal pane nero. Un arricchimento della gastronomia regionale sono gli insaccati che danno ancor più pregio esaltando i sapori e la “tradizione” di un pranzo in Valle d’Aosta.


recensioni dei clienti
5,0 Basato su 1 recensioni
Scrivi una recensione

Grazie per aver inviato una recensione!

Il tuo contributo è molto apprezzato. Condividilo con i tuoi amici in modo che possano goderselo anche tu!

Filter Reviews:
AL
13/01/2021
Anita L.

molto buono, anche troppo. altro che dieta... cmq complimenti per il sito