Qualità senza compromessi e consegne rapide in tutta Europa.



Pelaverga Castello di Verduno "Basidone" 0,75 L

Castello di Verduno

Prezzo di listino €14,90

Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

 DESCRIZIONE

Solo la bellezza di un papavero selvatico riesce a trasmettere la fine complessità e le armoniche caratteristiche del nostro Basadone. Questa rara perla enologica è frutto del vitigno Pelaverga piccolo, le cui uve sono coltivate nel comune di Verduno in vigne situate nelle zone Massara ed Olmi. Questo singolare vitigno autoctono è presente sul territorio di Verduno sin dal 1600. L’azienda, credendo nelle potenzialità di quest’uva, è stata la prima ad impiantare un vigneto in purezza nel 1972. Vino rosso rubino, dalle caratteristiche note speziate e dal sapore delicato e persistente. Come un bacio, il Basadone, che la tradizione popolare vuole afrodisiaco, risveglia i desideri.

Realizzato da 100% Uve Pelaverga raccolta a mano, fermentazione e macerazione per otto giorni in vasche di acciaio con periodiche follature

 Colore: Rosso rubino brillante

 

Profumo intenso e fruttato, con sfumature di ciliegie sotto spirito e fragole che si aggiungono alle caratteristiche note varietali di pepe nero e noce moscata

Gusto delicato con  tannini setosi e acidità rinfrescante, di ottimo equilibrio e dall'ottima persistenza retrolfattiva

Alcool: 13,5°

Abbinamenti: Carni bianche e rosse


LA CANTINA:

La famiglia Cerrato dà inizio alla costruzione dell’attuale Castello. Con il Trattato di Cherasco (1631) Verduno passa sotto la giurisdizione di Casa Savoia. Parte del Castello viene successivamente ricostruita da Carlo Luigi Caisotti su disegno dell’architetto Juvarra ed acquistato nel 1838 da Re Carlo Alberto di Savoia, affidando la direzione della tenuta e della cantina al Generale Staglieno, famoso enologo.

Verso la fine dell’800 a Barbaresco la famiglia Bianco da tempo possedeva vigneti e coltivava la vite, ma fu di Battista Bianco la decisione coraggiosa di mettersi a vinificare le proprie uve per produrre vino e commercializzarlo. La storia ha dato ragione a chi ha creduto nel vitigno Nebbiolo e Barolo e Barbaresco sono cresciuti in qualità e prestigio sui mercati di tutto il mondo. Franco Bianco e Gabriella Burlotto hanno fatto il resto, con un matrimonio che ha creato un caso unico nella storia dei due vini.